Contatto veloce

Inserisci i campi sottostanti per essere ricontattato subito da un nostro consulente!

accetto le condizioni sottoscritte nella pagina privacy

contattaci subito!! clicca qui
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di piú o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie..
Versione italiana English version Deutsch version
Follow on facebook Follow on Flickr
Home > Metalli preziosi > Palladio

Metalli preziosi

Palladio

Il Palladio presenta un colore bianco-grigio leggermente più scuro di quello del platino.

Forma con l'oro una serie completa di soluzioni solide a tutte le concentrazioni e ne aumenta la durezza e le proprietà meccaniche.

Contribuisce all'aumento dell'intervallo di fusione della lega e schiarisce notevolmente il colore dell'oro fino a portarlo ad un grigio caldo.

Il palladio presenta la caratteristica di sciogliere notevoli quantità di idrogeno quando si trova allo stato liquido pertanto occorre prestare le dovute attenzioni durante le fusioni.

PLATINO e PALLADIO hanno la proprietà di legarsi facilmente con il carbonio formando i corrispondenti carburi (OtC2.Od2C5); questi composti interstiziali si inseriscono all'interno del reticolo cristallino della lega modificando nettamente le proprietà originali.

Allo stato liquido la formazione di carburi dipende dal tempo di permanenza del metallo con altri composti contenenti carbonio.

Nella fusione di leghe contenenti Platino e Palladio, l'assorbimento di carbonio è direttamente proporzionale al tempo di fusione, alla superficie di contatto metallo-carbonio e, naturalmente, alla concentrazione di questi due elementi (seri problemi già con concentrazioni di carbonio nella lega superiori a 60 ppm - parti per milione).

L'effetto finale si traduce in una grave fragilità della lega che si presta facilmente a rotture e fessurazioni e in una grave porosità nella zona di contatto metallo-ceramica con distacco di quest'ultima.

E' quindi indispensabile con leghe ad alto contenuto in platino o palladio, evitare il contatto allo stato fuso con materiale contenente carbonio (crogioli o rivestimenti contenenti grafite, ecc).

Il palladio venduto da 8853 S.p.A. è garantito non solo per il titolo 999,5 ‰ ma anche per la parte relativa alle impurezze contenute nel metallo, in quanto risponde alle restrizioni previste dagli standards ASTM.

La fornitura è in lastre da 250 grammi, 1 kg o panetti/cubetti Russi 999,7 ‰

  • Simbolo Chimico: Pd
  • Peso Specifico: 12,02 g/cm3
  • Colore: grigio
  • Temperatura di Fusione: 1552 °C